Tutti i cuccioli sono bambini

by

Tutti i cuccioli sono bambini

 

agnellino bambina (Copia)

Tutti i cuccioli sono bambini

Avrei voluto stringerti a me e proteggerti da tutti i mali del mondo.
Tu che sei nato in una notte di luna piena e subito ti sei attaccato alla tua dolce mamma che non ha pensato ad altro che prendersi immediatamente cura di te, lavandoti e strusciando il suo dolce muso sul tuo corpicino esile ma già pieno di vita. Una vita breve ma intensa che hai vissuto nella magia della natura. Una natura che ti ha regalato le prime sensazioni olfattive, l’odore dell’erbetta fresca, dei primi fiori sbocciati, della paglia in cui ti addormentavi la sera. Vederti sgambettare nel prato, rincorrerti con i tuoi piccoli amici per poi tornare dalla tua mamma al suo insistente richiamo, era per me una vera gioia.

In fondo siete dei bambini anche voi, avete una mamma che vi ama e che vi protegge, e che quando vi allontanate troppo vi richiama a sé. Anche la mia si comporta così, le nostre mamme si assomigliano molto.

Come sai venivo da te ogni pomeriggio, mi attaccavo alla bassa staccionata di legno e tu ti avvicinavi piano piano, poi passavi con il tuo musetto nello spazio tra un’asse e l’altra per prendere dalle mie mani l’erba che ti porgevo. La tua mamma non ti perdeva di vista, pur restando tranquilla a distanza. Forse perché si fidava di me. Mi piaceva osservarti mentre bevevi il suo latte e dopo ti adagiavi sul terreno chiudendo gli occhi, un po’ per il sonno dopo la poppata un po’ per il sole che li colpiva con i suoi potenti raggi primaverili. Sembrava che sorridessi, allora anch’io sorridevo e sentivo dentro una tenerezza immensa.

Ieri, mentre mi avvicinavo come sempre al pascolo, ho udito un belare continuo, come quando la tua mamma ti chiamava, ma più forte, più intenso. Tante mamme che belavano e più nessun bambino. Ho fatto tutto il giro del piccolo gregge ma non c’eri. Ero stranita e non sapevo davvero spiegarmi dove fossi finito. Poi è arrivato l’uomo che la sera vi chiude nella stalla. Gli ho chiesto dove foste e lui mi ha risposto che era arrivato il camion la mattina. Solo questo, poi se n’è andato. Il camion. Così sono corsa a casa e ho chiamato la nonna, dovevo avere delle spiegazioni.

Adesso, quando il tempo me lo permette, mi corico tutti i pomeriggi sull’erba, chiudo gli occhi e ti immagino vicino a me. Appoggio delicatamente la mia mano sul tuo morbido pelo e lo accarezzo, sento il tuo odore, un miscuglio di latte e paglia, e mi addormento sentendoti vivo.

Oggi so che l’uomo nero esiste davvero, e che il mondo non è quel meraviglioso pascolo in cui ogni giorno mi immergevo.

Ma la primavera, quella nessuno può portarcela via. Così io combatterò per sempre, perché i bambini, le mamme e i papà di ogni specie possano vivere felici, amarsi e godersi tutte le primavere del mondo.

-Valentina Suyren-

Leggi Aforismi sugli Animali

4ac528c2eb48fe92b090754aaa7e9fe3_ca6QVeaIBvJesZWPoHuhCzbUH8miXLlf (Copia)  agnellino (Copia)

 

468 ad